Lampadine al LED

Lampade al LED, sicurezza e performance

Agevolazioni economiche, vantaggi ambientali e una resa luminosa sicuramente più performante: dovrebbe bastare questo per preferire le lampadine al LED e sostituire le vecchie lampadine a incandescenza, purtroppo non è così. Nonostante la fabbricazione delle lampade a incandescenza sia proibita non è raro imbattersi in interi appartamenti sprovvisti di lampadine al LED. Eppure queste ultime non contengono mercurio, per cui hanno un minore impatto ambientale, permettono di risparmiare e durano molto più a lungo.

La stessa performance è migliore: non necessitano di tempi di riscaldamento, permettono diverse gradazioni luminose e forniscono spesso la possibilità di variare l’intensità senza dover modificare l’interruttore. Andiamo con ordine a scoprire i vantaggi del LED.

Innanzitutto, il risparmio

La tasca è il punto debole di tutti, per questo motivo analizzeremo quanto effettivamente è possibile risparmiare andando ad installare lampadine al LED. Alcuni studi di settore stimano il risparmio in bolletta variabile tra i 300 e i 600 euro annui, chiaramente in funzione del numero di lampadine e dell’uso che ne viene fatto. Il vantaggio economico non è esclusivamente in bolletta: infatti, sebbene si risparmi circa il 90% in termini energetici, il ritorno economico è legato alla durata della lampadina e al suo costo ridotto.

Lampadine al LED

Le lampadine al LED durano circa 25 volte più a lungo, all’incirca 25000 ore, e permettono un risparmio di circa 10 euro l’anno per ogni lampadina sostituita. E voi quante lampadine avete in casa? Le avete mai contate davvero?

Il rispetto dell’ambiente

La durata è alleata non solo vostra ma anche dell’ambiente. Sostituire più raramente le lampadine significa per voi risparmiare, mentre per l’ambiente significa meno scarti. Inoltre le lampadine al LED – a differenza delle tradizionali lampadine ad incandescenza – sono più semplici da smaltire non contenendo mercurio. Quando si parla di impatto ambientale bisogna sempre riuscire ad immaginarsi di non essere soli su questo pianeta se si vuole davvero comprendere il peso di una semplice sostituzione di una lampadina.

Lampadine al LED

Cambiare due lampadine l’anno oppure dieci potrebbe sembrare cosa da poco, ma basta moltiplicare quelle otto lampadine in più per gli altri appartamenti del piano, e poi dello stabile, e poi della strada, e poi del quartiere. Dobbiamo andare avanti? Scegliere il LED conviene a tutti.

Luminosità regolabile

Non tutte le camere sono uguali e necessitano della stessa intensità luminosa: scegliere la lampadina giusta è un’operazione delicata e spesso comunque insoddisfacente. Nel corso della giornata possono cambiare le esigenze oppure possono nascere delle esigenze particolari: la lampadine al LED sono quasi sempre dimmerabili. Questa proprietà garantisce costantemente la luminosità necessaria e permette allo stesso ambiente di cambiare faccia in un momento solo.

Tra i vari modelli di lampadine e i vari dimmer deve ovviamente essere garantita la compatibilità, vi invitiamo a verificarla prima di procedere all’acquisto. Inoltre può capitare di notare delle piccole interferenze e delle variazioni improvvise di luminosità: questi effetti non desiderati sono legati a picchi di tensione nella rete, ma non danneggiano né la lampadine né il dimmer. È chiaro che l’inserimento di questo piccolo strumento di regolazione dell’intensità della luce rende la lampadina più suscettibile alle variazioni di corrente sulla rete. Anche utilizzare elettrodomestici come l’aspirapolvere, a causa del suo sistema di funzionamento, può creare piccoli sbalzi luminosi. Tutto nella norma, però, nulla che possa danneggiare l’impianto.

Non solo efficienza ma anche design

Le lampadine al LED non temono concorrenti per quanto riguarda l’impatto ambientale e il risparmio economico, eppure questo non è tutto ciò che conta: in un appartamento non si può fare a meno di tutelare la bellezza. Fortunatamente tra i molti produttori e l’infinità di modelli disponibili c’è sempre la lampadine adatta ad ogni spazio. Sia che siate amanti (Volino) delle lampadine a vista sia che stiate cercando un modello semplice da installare in un’applique a parete, potrete trovare soddisfazione alle vostre esigenze. Alcuni modelli riproducono effetti vintage ad incandescenza, senza gli svantaggi di questa obsoleta tecnologia, altri ancora prevedono le teste opache oppure colorate per particolari installazioni. La lampadina non è più soltanto funzionale, ma si adatta ai nuovi tempi e diventa bella, unica ed esclusiva.

Tipologie per tutti i gusti

Dal 1962, data del primo prototipo al LED, ad oggi si sono succeduti moltissimi modelli – alcuni di questi, nonostante gli anni, resistono ancora sul mercato e fanno compagnia ai più recenti. I LED multipli e i LED SMD rappresentano due modelli oramai in disuso, mentre i LED COB sono ancora in mercato nonostante nel 2014 siano stati brevettati i LED a filamento, rivoluzionari nell’estetica e nella resa luminosa. I LED COB e i LED a filamento utilizzano la stessa tecnica, per cui da un punto di vista energetico producono la stessa luce ma è la resa a differire. Il LED COB, come i suoi antenati, prevede un’irradiazione luminosa a 300° – avendo una struttura cieca all’attacco – mentre il LED a filamento, oltre a rendere l’effetto vintage di una lampadina a incandescenza, garantisce una luminosità omogenea a 360°. Non c’è davvero più motivo per non passare al LED.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *